Vai al contenuto principale
Coronavirus: misure urgenti e attività sospese, i dettagli sul Portale di Ateneo - Updates here   -   Status ICT

Perché iscriversi alla SSST? Risponde Francesco, laureato in Filosofia nel 2017

Pubblicato: Domenica 16 febbraio 2020
Immagine

Francesco Cepelli, 27 anni
Laureato in Filosofia nel 2017

Dopo un Master alla Bocconi ora si occupa di organizzazione del personale in una società del gruppo Eni.

“Per me, studente di filosofia, poter accedere a corsi di matematica, economia e management è stata un’opportunità tanto impegnativa quanto gratificante, che tra l’altro mi ha permesso di intrecciare filosofia e studi manageriali nella tesi magistrale. Inoltre, in un mercato del lavoro come quello attuale, caratterizzato da un costante sforzo delle organizzazioni per “rompere i silos” e far dialogare mondi, sistemi e funzioni iper-specializzate, una formazione interdisciplinare è un ottimo biglietto da visita”.

 

Quali sono le motivazioni che ti hanno spinto a frequentare la Scuola?
La curiosità per una realtà che si proponeva come molto originale nel panorama universitario nazionale e che offriva l’opportunità di andare oltre le tradizionali compartimentazioni accademiche con corsi interdisciplinari esclusivi.

Hai usufruito del posto in collegio? Se sì, che vantaggi ne hai avuto
Sì, sono stato ospite del Collegio Einaudi, sezione Po. Il collegio mi ha offerto molti vantaggi, a partire dalla collocazione in pieno centro, gli spazi dedicati allo studio e alla convivialità, la biblioteca e ovviamente la possibilità di conoscere persone di valore.

Quale valore aggiunto ti ha dato aver frequentato la Scuola, in termini di formazione e dal punto di vista delle opportunità lavorative?
Per me, studente di filosofia, poter accedere a corsi di matematica, economia e management è stata un’opportunità tanto impegnativa quanto gratificante, che tra l’altro mi ha permesso di intrecciare filosofia e studi manageriali nella tesi magistrale.
Inoltre, in un mercato del lavoro come quello attuale, caratterizzato da un costante sforzo delle organizzazioni per “rompere i silos” e far dialogare mondi, sistemi e funzioni iper-specializzate, una formazione interdisciplinare è un ottimo biglietto da visita.

Che cosa ti ha insegnato la Scuola?
Ho sempre pensato e parlato della Scuola come di un passaggio fondamentale nella mia formazione perché mi ha abituato allo sforzo costante di apprendere linguaggi sempre nuovi ed educato alla disciplina del risultato pur lasciandomi sempre libero di esplorare e accontentare le mie curiosità.

Ultimo aggiornamento: 16/02/2020 15:48
Non cliccare qui!