Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

Risponde Francesco M., Scienze Internazionali Sviluppo e Cooperazione

Pubblicato: Lunedì 10 agosto 2020
Immagine

Francesco Marengo, 21 anni
III anno, Scienze Internazionali dello Sviluppo e della Cooperazione

"La Scuola mi permette di sviluppare capacità che non potrei in altro modo ottenere, quali la gestione del mio tempo, la scrittura di elaborati e la possibilità di imparare materie interdisciplinari. Ma soprattutto mi ha insegnato che il confronto è il miglior metodo per imparare".

 

 

 


Quali sono le motivazioni che ti hanno spinto a frequentare/scegliere la Scuola?
Un mio professore del liceo mi aveva consigliato di iscrivermi al test della Scuola. Così mi sono informato e sono stato colpito dall’offerta formativa e le agevolazioni che la scuola mi offriva.

Usufruisci del posto in collegio?
Se sì, che vantaggi ne trai (non solo in termini economici)
Usufruisco del posto in collegio. Vivere in collegio ha moltissimi vantaggi. In primo luogo, la vicinanza all’università e al centro, permettendomi di vivere appieno l’atmosfera universitaria e culturale torinese. In secondo luogo, il collegio è un ottimo luogo di incontro e di confronto con gli altri ragazzi, contribuendo a rendere speciale la mia esperienza universitaria.

Quale valore aggiunto ti dà frequentare la Scuola?
Che cosa ti aspetti, anche dal punto vista delle opportunità lavorative?
La Scuola mi permette di sviluppare capacità che non potrei in altro modo ottenere, quali la gestione del mio tempo, la scrittura di elaborati e la possibilità di imparare materie interdisciplinari. Inoltre, la partecipazione alle attività studentesche è un ottimo stimolo per lo sviluppo di capacità organizzative e lavoro di gruppo per l’organizzazione di eventi quali il Forum.
Dopo la laurea spero che avere il diploma della Scuola mi permetta di ampliare i miei sbocchi lavorativi.

Che cosa ti insegna/ti ha insegnato la Scuola?
La gestione del mio tempo, la scrittura di elaborati e la possibilità di imparare materie interdisciplinari. Ma soprattutto mi ha insegnato che il confronto è il miglior metodo per imparare.

Hai partecipato ad Erasmus, ad esperienze extracurriculari, progetti interni ed esterni alla scuola? Racconta brevemente la tua esperienza.
Si sono stato in Erasmus il primo semestre del primo anno. Si tratta di esperienza che mi ha fatto crescere molto anche se conciliarlo con i lavori per la Scuola non è un processo semplice. Sono anche attivo nelle attività studentesche della scuola (Forum, Assemblee, didattica) e nel mondo dell’associazionismo al di fuori dell’università.

Ultimo aggiornamento: 10/08/2020 12:11