Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

Perché scegliere la SSST? Risponde Filippo, studente al V anno di Filosofia

Pubblicato: Mercoledì 5 agosto 2020
Immagine

Filippo Buccheri, 24 anni
Studente al V anno di Filosofia

"Sono stato il primo studente della Scuola a prendere parte allo scambio con l’École Normale Supérieure di Parigi. Ho avuto modo di vivere un’esperienza internazionale in una delle università più importanti di Francia, e di interfacciarmi con una realtà accademica dinamica e di alto profilo. Questa possibilità messa a disposizione degli studenti della Scuola rappresenta uno degli aspetti di cui sono attualmente più soddisfatto".

 

 

Quali sono le motivazioni che ti hanno spinto a frequentare/scegliere la Scuola?
Ho scelto di frequentare la Scuola per integrare il mio curriculum accademico con competenze ed esami di ambito specialmente economico e politico. Infatti ho ritenuto che la possibilità di affiancare alla mia formazione filosofica anche discipline collaterali fosse utile per una maggiore spendibilità di una laurea in ambito umanistico sul mercato del lavoro e per eventuali percorsi di master post-laurea di taglio economico.

Usufruisci del posto in collegio?
Se sì, che vantaggi ne trai (non solo in termini economici)
Non ho mai usufruito del collegio.

Quale valore aggiunto ti dà frequentare la Scuola?
Che cosa ti aspetti, anche dal punto vista delle opportunità lavorative?
Ritengo che la Scuola sia uno strumento da utilizzare con acume e strategicamente. Infatti gli insegnamenti che si è chiamati a frequentare per me hanno rappresentato l’espediente per venire in contatto con realtà accademiche, culturali e professionali che altrimenti non avrei potuto incontrare. Per esempio, grazie ad uno dei corsi durante cui si è parlato del mercato delle opere d’arte ho raggiunto la consapevolezza che quella sarebbe dovuta essere la mia strada professionale e ho inoltre conosciuto alcuni esperti del settore con cui sono rimasto in contatto. Ritengo che un mercato del lavoro sempre più esigente, selettivo e orientato alle competenze trasversali apprezzi e ricerchi profili studenteschi capaci di spaziare con disinvoltura all’interno di settori tra loro anche diversificati.

Che cosa ti insegna/ti ha insegnato la Scuola?
Grazie alla Scuola ho rafforzato le capacità organizzative legate allo studio e alla gestione del tempo, che già avevo iniziato a maturare durante gli anni del liceo. I vincoli imposti dagli istituti di alta formazione come la Scuola rappresentano un forte stimolo per un costante miglioramento delle proprie prestazioni accademiche e costituiscono un movente per mettersi continuamente alla prova, non senza fatiche e rinunce. Inoltre la Scuola mi ha confermato che per quanto si possa sentire la vocazione di una disciplina specifica - nel mio caso la filosofia - a cui si sceglie di dedicare i propri anni universitari, tuttavia ogni settore del sapere, tanto umanistico quanto scientifico, è in grado di coinvolgere e fare appassionare gli studenti.

Hai partecipato ad Erasmus, ad esperienze extracurriculari, progetti interni ed esterni alla scuola? Racconta brevemente la tua esperienza.
Durante gli ultimi mesi del 2019 sono stato il primo studente della Scuola a prendere parte allo scambio tra l’École Normale Supérieure di Parigi e il nostro istituto. Ho avuto modo di vivere un’esperienza internazionale in una delle università più importanti di Francia, e di interfacciarmi con una realtà accademica dinamica e di alto profilo. L’École parigina mi ha messo a disposizione tutti i servizi dedicati agli studenti, compresa la sistemazione in una residenza universitaria, e grazie all’affiancamento di un tutor ho svolto alcune indispensabili ricerche finalizzate alla stesura della mia tesi di laurea magistrale. Questa possibilità messa a disposizione degli studenti della Scuola rappresenta uno degli aspetti di cui sono attualmente più soddisfatto; infatti oltre alle competenze linguistiche e accademiche che ho maturato durante il soggiorno a Parigi, ho potuto godere ampiamente di tutta l’offerta culturale e artistica della città.

Ultimo aggiornamento: 05/08/2020 16:18